IPOCAMPUS

International Business Agency

Svizzera: anche Credit Suisse blocca i prelievi ai correntisti.

Credit Suisse non rilascia contante ai propri clienti ma solo bonifici e per giunta solo bonifici che hanno destinazione paesi white list, quei paesi cioè che hanno una normativa fiscale in linea con tutte le direttive Ocse in materia. Secondo quanto ItaliaOggi è in grado di anticipare, l’istituto elvetico ha inviato una comunicazione ai suoi clienti informandoli delle nuove procedure di gestione dei valori presenti sui loro conti.

 

L’intervento è, con ogni probabilità, da leggersi nell’ottica del nuovo corso che hanno preso i rapporti tra banche della confederazione svizzera e correntisti, con l’accettazione di Berna delle nuove regole Ocse sullo scambio di informazioni. 

 

Già quest’estate, un istituto svizzero era stato portato davanti al tribunale locale perchè si era rifiutato di consegnare il contante presente sul conto al proprio cliente. Il motivo? L’assenza di una prova, da parte di quest’ultimo, che i fondi fossero stati creati in linea con le regole antiriciclaggio e in assenza di idonea giustificazione circa l’utilizzo degli stessi.

 
Credit Suisse è solo l’ultima, in ordine di tempo, banca svizzera ad aver dotato le proprie filiali, con ogni probabilità di direttive che vietano qualsiasi prelievo in contanti e finanche il bonifico bancario salvo che su di un conto nominativo aperto al domicilio del cliente e, quindi, in Italia. Nel caso di luglio (si veda ItaliaOggi del 9/12/2014) inoltre, una ulteriore argomentazione assunta dalla banca al blocco del prelevamento del cash, era stata la necessità di garantire un’attività e di una reputazione irreprensibili.

 

Questi erano da considerare elementi posti a tutela non soltanto della piazza finanziaria e della banca stessa ma (soprattutto) dei creditori e dei clienti, tra cui lo stesso correntista che si era rivolto al giudice, e il rischio che il mancato rispetto di una norma straniera (nel caso di specie italiana) potesse costituire rischio di violazione di tale necessità.

Italia Oggi

 


 We use cookies to improve your experience on this site. Read our policy