IPOCAMPUS

International Business Agency

La voluntary azzera il capitale. Il provvedimento è troppo oneroso e si rischia un flop.

La scure dei dottori commercialisti sul rientro dei capitali: il provvedimento è troppo oneroso e si rischia un flop. Dalle simulazioni predisposte dalla fondazione dei dottori commercialisti (si vedano tabelle a pagina 33) emerge che dai calcoli complessi arriverebbe, per i contribuenti intenzionati al rimpatrio, un conto salatissimo: quasi il 100% del capitale.

«Rispetto al valore finale dell’investimento», si legge nella nota del consiglio nazionale guidato da Gerardo Longobardi,» «il costo andrà infatti da un minimo del 5%, particolarmente conveniente, a un massimo del 97% che di fatto dell’investimento azzera l’importo».
 
Lo studio ha preso in esame la simulazione su tre diverse ipotesi. Per come è stata concepita – afferma Luigi Mandolesi, consigliere nazionale dei commercialisti, la norma sulla diclosure rischia di non raggiungere i risultati sperati. È troppo complessa e molto spesso troppo onerosa.
 
Ecco le analisi della fondazione dei dottori commercialisti: le principali variabili che influenzano il costo dell’operazione, spiegano i commercialisti, sono rappresentate dal Paese e dalla «stagionatura» dell’investimento nonché dalla tipologia di evasione eventualmente commessa. Nel primo caso si prende in esame gli investimenti effettuati da soggetti non imprenditori in Paesi White list o in Black List , che dovessero stipulare un accordo con l’Italia entro 60 giorni . Un costo per il rientro dei capitali pari al 4,61% .
 
Il caso in cui la disclosure risulta più conveniente è sicuramente quello relativo agli investimenti effettuati da soggetti non imprenditori in Paesi appartenenti alla White list o in quelli Black List , come la Svizzera, se, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della nuova disciplina, stipuleranno con l’Italia un accordo sullo scambio di informazioni e se il contribuente autorizzerà l’intermediario estero a trasmettere alle autorità fiscali italiane, su loro richiesta, i dati delle attività estere. In questa ipotesi, indipendentemente dal periodo in cui l’investimento è stato effettuato, i periodi accertabili non possono essere più di cinque (tranne i casi di rilevanza penale tributaria dell’illecito eventualmente commesso), per cui la disclosure si risolve nel pagamento delle imposte sostitutive sui rendimenti finanziari dell’investimento e delle corrispondenti sanzioni in misura ridotta oltre a quelle, parimenti ridotte, relative al quadro RW. 
 
Nel secondo caso gli investimenti effettuati da soggetti non imprenditori in Paesi Black List che non stipuleranno un accordo con l’Italia.
 
Italia Oggi

 We use cookies to improve your experience on this site. Read our policy